Giacomo Leopardi

March 20, 2018 | Author: Anonymous | Category: N/A
Share Embed


Short Description

Download Giacomo Leopardi...

Description

Giacomo Leopardi e il naufragar m’è dolce in questo mare

Dal sito dell’ITC “Boselli” di Savona www.itcboselli.it/

I genitori di Giacomo

Monaldo Leopardi

Adelaide

Antici

Casa Leopardi a metà Ottocento

Le fasi della vita di Leopardi • La formazione e le opere giovanili • Primo periodo di Recanati:composizione dei piccoli idilli • Primi contatti col mondo: il silenzio poetico • Il risorgimento poetico e il secondo periodo a Recanati • L’abbandono di Recanati e il secondo periodo fiorentino • Il periodo napoletano

Recanati,il natio borgo selvaggio dove nacque Leopardi

L’erudizione Che cosa è in Recanati di bello? Che l’uomo si curi di vedere o d’imparare?niente…. Unico divertimento in Recanati è lo studio: unico divertimento è quello che mi ammazza tutto il resto è noia

Sette anni di studio matto e disperatissimo

I passaggi della poetica • • • • •

“dall’erudito al bello” “ dal bello al vero” la stagione della prosa il ritorno alla poesia l’ultima produzione

Il bello • La poetica “del vago e dell’indefinito”

Sempre caro mi fu quest’ermo colle

La vista dal colle dell’infinito

Dal bello al vero • La conversione filosofica L’anima umana desidera sempre, e mira unicamente al piacere, ossia alla felicità Tutti i piaceri debbono esser misti di dispiacere, perché l’anima nell’ottenerli cerca avidamente quello che non può trovare, cioè una infinità di piacere, ossia la soddisfazione di un desiderio illimitato

La teoria del piacere • L’aspirazione umana alla felicità è illimitata • La sensazione di appagamento che l’uomo prova quando ottiene ciò che desidera è limitata

Insoddisfazione, infelicità

L’importanza dell’immaginazione Il piacere esiste solo nell’immaginazione • nel ricordo del passato (rimembranza) • nella speranza per il futuro è una illusione di felicità

Le ricordanze Qui non è cosa ch’io vegga o senta, onde un’immagin dentro non torni, e un dolce rimembrar non sorga.

La speranza Ahi come, come passata sei, cara compagna dell’età mia nova, mia lacrimata speme (A Silvia)

Contrasto natura/ragione NATURA • Ha creato gli uomini felici • È il regno del bello, delle illusioni, della poesia

Condizione dell’uomo primitivo e del bambino

RAGIONE • Il progredire della civiltà ha reso gli uomini deboli e infelici • È il dominio del vero che distrugge sogni e illusioni Condizione dell’uomo civile e adulto

Natura matrigna/ ragione illusoria • Natura nemica: ha creato gli esseri viventi soggetti alla morte • Inganna l’uomo promettendo una felicità che non concederà mai

• La scienza e la filosofia ingannano l’uomo promettendo un progresso illimitato che non garantisce la felicità

La sera del dì di festa A salutar m’affaccio l’antica natura onnipossente che mi fece all’affanno. A te la speme nego, mi disse, anche la speme; e d’altro non brillin gli occhi tuoi se non di pianto

La luna interlocutrice di tante poesie

Canto notturno di un pastore errante • Nasce l’uomo a fatica ed è rischio di morte il nascimento • Me, s’io giaccio in riposo, il tedio assale • Forse in qual forma, in quale stato che sia, dentro covile o cuna, è funesto a chi nasce il dì natale

View more...

Comments

Copyright © 2017 DOCUMEN Inc.